App native, web app e app ibride: questo è il problema!

I dati Audiweb mostrano come più di un terzo della popolazione tra i 18 e i 74 anni usi le App in media per 1 ora e mezza al giorno.

Da questo, nasce l’esigenza delle aziende di raggiungere tutti i clienti che si connettono da mobile.

Lo step sucessivo quindi diventa quello di affidarsi un developer mobile per soddisfare il fabbisogno della creazione di un App studiata sulle esigenze aziendali.

Esistono tre grandi famiglie di app: progressive web app, app native e app ibride.

Progressive Web App

Note anche come PWA, sono la versione mobile di un sito web, senza nessuna differenza tra piattaforma, sistema di sviluppo e codice.

Le web app, non sono scaricabili da app store e questo le rende più leggere in quanto non occupano spazio nei dispositivi; un altro vantaggio è che sono utilizzabili nell’immediata realizzazione perché non necessitando dell’approvazione del Market,

Un’applicazione di questo tipo è fruibile tramite i normali web browser ed è scritta con i linguaggi HTML e CSS, simulando l’interfaccia di un’app nativa.

Inoltre, le progressive web app hanno il vantaggio di essere sempre aggiornate perché, nel momento in cui vengono lanciate, visualizzano in modo automatico la versione più recente.

App Native

Le app native sono quelle che nascono apposta per i dispositivi mobili per il mercato a cui sono destinate (es. dispositivi iPhone o Android).

Lo sviluppatore scrive nel linguaggio specifico della piattaforma: iOS utilizza in gran parte il linguaggio Objective-C, Android usa Java o Kotlin.

Per essere fruibili devono essere approvate dal market di riferimento. Questo le consentirà di offrire migliore esperienza d’utilizzo dell’utente sia nell’utilizzo online che offline.

App Ibride

Sono scritte con linguaggio cross-platform che permette di far funzionare l’app su dispositivi diversi senza dover creare un’interfaccia per ciascuno. Per svilupparle si utilizzano generalmente HTML5 e Javascript e possono essere incapsulate nel linguaggio nativo di una piattaforma, come le app native.

1 commento su “App native, web app e app ibride: questo è il problema!”

  1. Pingback: Xamarin: perché conoscerlo - Alizeti HR

I commenti sono chiusi.